LA CONVERSIONE DEL GINECOLOGO ABORTISTA BRUCHALSKI
www.virginialalli.com
“PRATICO IL CONCETTO DI SALUTE RIPRODUTTIVA OPPOSTO A QUELLO DI  PLANNED PARENTHOOD”: LA CONVERSIONE DI UN GINECOLOGO AMERICANO ABORTISTA. Sul sito LifeSiteNews.com (4 marzo 2012) la notizia della conversione di un  medico abortista americano ora impegnato a promuovere la vita e offrire assistenza sanitaria autentica. Il Dottor John Bruchalski è un medico ginecologo abortista di 50 anni che  ora è diventato un faro nella medicina pro-life. Attraverso il suo Centro Famiglia Tepeyac, il team del Dott. Bruchalski offre un rifugio sicuro per le donne che sono in crisi per la gravidanza, diffonde la speranza attraverso la autentica cura della salute che rispetta i processi naturali del corpo della donna, il diritto alla vita del nascituro, e la salvezza dell'anima della madre. “Come si combinano il meglio della medicina moderna  con la presenza risanatrice di Gesù”. Anche se cresciuto in una famiglia cattolica praticante, Bruchalski racconta che ha smesso di praticare la sua fede quando ha lasciato il college cattolico. Poi è stato accolto da professori e amici che sostenevano che la Chiesa cattolica può cambiare i suoi insegnamenti sul divorzio, matrimonio omosessuale, aborto, contraccezione per conformarsi alla cultura dominante. Quando entrò alla scuola di medicina nel 1983 della University of South Alabama, la contraccezione e l’aborto gli sembrava “la via per promuovere la salute e la felicità e la pienezza della vita riproduttiva di una donna”. Al fine di essere il miglior ginecologo che poteva, imparò i diversi metodi per l’aborto, la sterilizzazione e la riproduzione artificiale. Ma cominciò ad avere dei dubbi. “Non ho visto la felicità o la gioia nelle mie cliniche” ha spiegato. “Ovunque c’erano più aborti, più contraccezione, c’erano più rapporti spezzati, più distruzione, più dolore”. “Non sapevo cosa fare perché i professori dicevano: “Beh, abbiamo solo bisogno di più formazione, più contraccezione, l’aborto può rispondere a queste domande”, ha aggiunto. Il Dott. Bruchalski prima sentì la chiamata alla fede della sua infanzia quando un amico lo convinse a fare un viaggio al santuario di Guadalupe a Città del Messico. Dice che ha sentito Nostra Signora di Guadalupe - che i cattolici venerano come patrona del nascituro – chiedergli "Perché mi stai facendo del male?". Ma lui non era pronto a rispondere.   Due anni più tardi sua madre lo portò in pellegrinaggio a Medjugorje in Bosnia-Erzegovina, dove i cattolici credono che Maria, la madre di Gesù Cristo, appaia dal 1981. Il pellegrinaggio ha risvegliato in lui il grande amore per Cristo e Maria che i suoi genitori avevano alimentato in lui durante la sua infanzia. Rimase colpito “dalla semplicità dei messaggi di tornare alla conversione", ha spiegato. "E poi ho conosciuto  una giovane donna del Belgio, che era lì a pregare per la causa pro-life. Mi disse che aveva un messaggio per me sulla Madonna e cominciò a raccontarmi cose sulla mia vita”. “E’ stato il cambiamento della mia vita”. Quando arrivò a casa, disse al suo professore che non poteva più praticare aborti o sterilizzazioni, anche se gli ci volle un anno per ritrovarsi pienamente e districarsi da queste procedure anti-vita. Ha iniziato a leggere le opere di Papa Giovanni Paolo II, in particolare sulla teologia del corpo. Ha studiato la pianificazione familiare naturale. "Quando sono tornato a casa, mi è stata data la grazia non solo di vedere me stesso come ero davvero - tutta la mia vita passata -, ma in realtà ho visto che ... c'era un modo migliore per praticare la medicina ", ha spiegato. "L'approccio alla salute riproduttiva era l'esatto opposto di ciò che afferma Planned Parenthood: creare un ambiente amorevole nel quale l'aborto diventa impensabile”. Ha messo questa visione della medicina in pratica nel 1994, quando ha fondato il Centro Tepeyac con la moglie sotto la protezione di Nostra Signora di Guadalupe. Sulla base di una visione cattolica di assistenza sanitaria, il Centro promuove pratiche sanitarie che rispettano il ritmo naturale del ciclo della donna e la santità della vita umana. Sostengono la pianificazione familiare naturale al contrario dei contraccettivi, e nei casi di infertilità si concentrano sul trattamento delle cause sottostanti piuttosto che utilizzare tecniche di riproduzione assistita come la fertilizzazione in vitro. Il Centro offre una completa assistenza ostetrica per le pazienti in crisi per la gravidanza, e hanno una accoglienza speciale per i poveri. Degli oltre 700 bambini nati nel 2009, il 30% delle madri non hanno assicurazione medica. "Idealmente, vorremmo essere una città su una collina, dove sia disponibile un gruppo di specialisti che si dedica alla guarigione, all'integrità e alla salubrità della persona umana nel corpo, anima e spirito", ha spiegato. "Una struttura medica e un sistema sanitario in cui sia rispettata la persona umana così come creata a immagine e somiglianza di Dio”. Anche se i loro servizi sono disponibili per persone di qualsiasi credo o cultura, credono che attraverso la medicina possano offrire ai pazienti "la felicità, la completezza e la salubrità che deriva dall’avere un più profondo senso del sacro nella propria vita”. Il Dottor Bruchalski ha detto che la sua esperienza di lavoro con l'aborto gli ha mostrato la necessità di concentrarsi sulle donne offrendo la speranza di vita con il loro bambino, piuttosto che enfatizzare l'adozione o le immagini dello sviluppo fetale”. Le madri vedono l'adozione come una "doppia negazione", dice. "Non solo non ti qualifichi per essere una madre e prenderti cura del bambino, ma devi dare via il bambino," ha spiegato. "Esse odiano quella scelta, per cui per loro l'aborto diventa la migliore alternativa, la meno terribile di tali opzioni." "È importante concentrarsi sul fatto che c'è la vita dopo aver avuto un figlio, che ci sia una via d'uscita dalla loro situazione", ha detto. Il Centro ha una particolare attenzione per la teologia che attua Giovanni Paolo II del corpo, il dottor Bruchalski dice che è stato un "rivoluzionario per le relazioni, per la medicina e per le famiglie”. "Se credi che la storia della Genesi è reale e che siamo stati creati ad immagine e somiglianza di Dio, e che uomini e donne sono complementari - che non dovevano essere soli - e che i nostri corpi ci parlano e che amare Dio e amare il prossimo è quello che siamo stati chiamati a fare, la teologia del corpo in medicina significa cooperare con il corpo, non reprimerlo", ha spiegato. "Ci si concentra sulla salute, non sulla malattia. Non si trattano le persone come prodotti. ... Non cercare di andare dal miglior medico che crea bambini sani con le migliori tecniche. Perché siamo più che prodotti, siamo persone”. Il Centro cerca anche di diffondere il Vangelo della vita in medicina e vuole ispirare ed essere mentore per altri professionisti sanitari affinché vivano il Vangelo della vita nella loro pratica medica. Il Dott. Bruchalski ha fatto conferenze in 22 scuole di medicina in 19 stati . "L'aborto è una procedura medica", ha detto. "Abbiamo bisogno di ispirare i medici a fare il passo della fede e diventare gli uomini e le donne che Dio ha chiamato ad essere”. La sua esperienza di conversione dimostra che "nessuno è al di là della misericordia di Dio, nessuno, nessuno," ha detto. "Stavo facendo gli aborti, perché ho creduto che fosse il minore dei due mali, ... ma mi resi conto che le persone erano solo più lacerate dopo l’aborto. Non avrebbe potuto essere una breve tregua dallo stress e la tensione, ma la maggior parte delle relazioni si sciolse dopo l’aborto”. "La misericordia di Dio era ciò che veramente aveva penetrato il mio cuore."  http://www.centrotepeyac.org